proposte

Tuscia

«Qui rise l’Etrusco, un giorno, coricato, cogli occhi a fior di terra, guardando la marina. E accoglieva nelle sue pupille il multiforme e silenzioso splendore della terra fiorente e giovane, di cui aveva succhiato il mistero gaiamente, senza ribrezzo e senza paura, affondandoci le mani e il viso». Queste sono parole del poeta Vincenzo Cardarelli nato a Tarquinia nel 1897, profondamente legato alla sua terra, la Tuscia, un tempo popolata dal misterioso popolo degli etruschi.

1° GIORNO (km 480) VERONA - BOLOGNA - VITERBO Al mattino partenza dalla località prescelta in direzione di Bologna. Incontro con l’accompagnatore e partenza in pullman Gran Turismo verso Firenze, Orvieto e Viterbo. Pranzo libero lungo il percorso. Nel pomeriggio visita guidata di Viterbo, la “Città dei Papi” che conserva un ricco patrimonio storico - artistico. La città fu sede pontificia per circa 24 anni a partire dal 1257 per volere di Papa Alessandro IV. Durante la visita si ammireranno gli interni del Palazzo dei Papi, la Cattedrale di San Lorenzo e il Quartiere medievale San Pellegrino, cuore della città. Sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

2° GIORNO (km 95) TARQUINIA - TUSCANIA Prima colazione. Al mattino partenza per Tarquinia, bella cittadina medievale e uno dei centri più importanti dell’antica civiltà etrusca. Visita del centro cittadino e Museo Nazionale che custodisce preziosi reperti di epoca etrusca tra cui l’altorilievo dei due cavalli alati, in terracotta, provenienti da un antico tempio etrusco e divenuti emblema della città. Pranzo libero. Visita della necropoli etrusca dei Monterozzi: con oltre 2.000 tombe dipinte con colori intensi e vivaci rappresenta il più ampio nucleo esistente di arte etrusca. Proseguimento per Tuscania, antica cittadina della Tuscia. La Necropoli di Tuscania è annoverata dall’Unesco nel Patrimonio dell’Umanità. Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

3° GIORNO (km 95) BOMARZO - LAGO DI BOLSENA Prima colazione in hotel. Al mattino si raggiunge Bomarzo per la visita del misterioso “Parco dei Mostri”, il primo grande giardino manierista, costruito a partire dal 1547 per volere di Vicino Orsini signore di Bomarzo. Nel parco si succedono statue di draghi, orsi, sirene, ercoli e figure mitologiche, una perfetta simbiosi di arte e natura. Pranzo libero. Partenza per il Lago di Bolsena, il più grande della regione. Visita della Collegiata di Santa Cristina, antica chiesa romanica del sec. XI legata all’episodio del “Miracolo di Bolsena”; Duomo di Bolsena e di Montefiascone. Rientro a Viterbo. Cena e pernottamento.

4° GIORNO (km 320) CIVITA DI BAGNOREGIO - ORVIETO - BOLOGNA Prima colazione in hotel. Partenza per Civita di Bagnoregio, soprannominata la “Città che muore” per via della costante erosione delle rocce di tufo su cui poggia l’abitato. La cittadella di origini etrusche e medievali, sospesa in bilico su un pinnacolo di tufo e raggiungibile solo percorrendo uno stretto ponte pedonale, pare essere sospesa nello spazio e nel tempo. Civita di Bagnoregio è annoverata tra i più Bei Borghi d’Italia Proseguimento per Orvieto. Pranzo libero e tempo a disposizione. Partenza per Firenze e Bologna. In serata rientro alla località di partenza